Area Riservata
Menu principale
SEZIONI
ALTRE INIZIATIVE
SEGUICI SU:

banner

Budget e Bilancio

Chi, oggi, meglio della donna, in una casa, è in grado di organizzare e tenere sotto controllo l’”economia domestica” della famiglia? Quanto destinare a questo o a quell’acquisto, dove acquistare, quando acquistare, ecc. Certo che pensare ad un portafoglio “a fisarmonica” che permetta di trovare sempre uno scomparto da cui attingere denaro, anche per acquisti non proprio necessari, è sempre un pericolo presente in alcune donne, rischio che potrebbe anche mettere a repentaglio l’economia della famiglia!!!! E quando normalmente ce ne accorgiamo? Il più delle volte troppo tardi, quando ormai il danno è stato compiuto, quando facciamo il “punto della situazione” in merito alle nostre disponibilità, quando facciamo il classico “Bilancio” (se non lo facciamo sarebbe opportuno farlo!) di com'è andata, nell’anno, la gestione della nostra “Azienda famiglia”. E’ un’”Impresa” gestire l’“Azienda famiglia”, né più né meno che gestire un’”Azienda commerciale o industriale”! Oggi le risorse monetarie spendibili sono sempre più in calo, lo sono per l’Azienda famiglia e lo sono altrettanto per le Aziende, diventando sempre più indispensabile prevedere come distribuirle tra quanto necessario, elaborando un vero e proprio “programma” di spesa, e tenendo sotto controllo, costantemente, il loro andamento attraverso l’elaborazione di un vero e proprio “consuntivo” di spesa. In un’Azienda (o Impresa) le previsioni di spesa e di introiti per l’anno di gestione che sta per iniziare vengono evidenziate in un documento che chiamiamo “Budget”, fondamentale per destinare oculatamente il denaro disponibile tra quanto si rende necessario per l’attività d’impresa.

Quanto realmente speso e introitato nell’anno di gestione, verrà invece evidenziato in un documento elaborato al termine dell’anno (al 31.12) che chiameremo “Bilancio”.

Il Bilancio è composto di:

  • “Conto Economico”, che riepiloga i Ricavi e i Costi dell’anno. Se i Ricavi sono superiori ai Costi si ha un Profitto (o Utile) e significa che l’attività ha permesso di guadagnare, è stata in pratica “gestita” bene e il Profitto rappresenta appunto la remunerazione di chi l’ha gestita. Se i Costi sono superiori ai Ricavi, si ha una Perdita, e significa che l’attività non ha permesso di guadagnare.
  • “Stato Patrimoniale”, che mostra come si è modificato il Patrimonio dell’azienda per effetto di una buona o meno buona gestione (profitto o perdita).

Torna alla mappa

footer